EMODINAMICA: Per Alba vorrei un sindaco egoista. Dopo il tribunale ad Asti e la Gdf a Bra, ora l’emodinamica va a Savigliano

Nella delibera della Giunta regionale del 23 gennaio, che integra il programma di revisione della rete ospedaliera piemontese approvato il 19 novembre scorso, risultano solo due servizi di emodinamica per il Cuneese: uno a Cuneo e l’altro a Savigliano, con l’indicazione di una confluenza di quest’ultimo a Verduno una volta ultimato il cantiere del nuovo ospedale.

Non viene citata, però, l’emodinamica di Alba, anch’essa in attesa di confluire a Verduno e, al momento, attiva con un servizio dalle 7 alle 20 dal lunedì al venerdì.

Ora, ho letto che il sindaco di Alba ha ricevuto l’oscar della generosità e credo che mai premio fu più azzeccato, dal momento che la nostra città ha già ceduto il tribunale ad Asti, la Guardia di Finanza a Bra e adesso l’emodinamica va a Savigliano. Sicuramente abbiamo un sindaco generoso, ma io vorrei un sindaco egoista nel mantenere ad Alba ciò che gli albesi meritano. Mi domando se sia logico che debba accorgermi io da Bruxelles che la Regione ha già deliberato il 23 gennaio la scelta di cancellare l’emodinamica del San Lazzaro. Noi chiedevamo l’estensione del servizio h24 e la risposta da Torino è che, a fine anno, ci toglieranno la copertura anche dalle 7 alle 20. Contro la decisione della Giunta regionale altre città del Piemonte hanno scelto di ricorrere al Tar. C’è tempo solo fino al 29 marzo. E tutto questo mentre Alba rimane in un silenzio surreale.

.