REVERSE CHARGE IVA AI SUPERMERCATI: Provvedimento scellerato: farò di tutto affinché sia bocciato dall’Unione europea

In queste ore il Senato si appresta a votare un emendamento alla Legge di Stabilità che rischia di mettere in ginocchio una delle principali eccellenze produttive italiane, i prodotti agroalimentari di qualità: parlo della decisione del Governo di introdurre il “reverse charge” sull’Iva ai supermercati, per il quale chi vende prodotti alla grande distribuzione organizzata non incasserà più l’Iva dai clienti, ma dovrà attendere che sia lo Stato a rimborsargliela.

Un provvedimento scellerato che viene mascherato come lotta all’evasione fiscale, ma che in realtà serve solo a far cassa per lo Stato a spese di aziende che rappresentano l’ultimo baluardo alla crisi. Aziende che a causa di questa norma avranno uno sbilanciamento finanziario insostenibile, in un momento in cui già faticano ad accedere al credito bancario. Stiamo mettendo a rischio migliaia di posti di lavoro. Dal momento che questo provvedimento assurdo per diventare operativo ha bisogno del via libera dell’Unione europea, ho già presentato un’interrogazione per mettere in guardia la Commissione competente e farò tutto ciò che è nelle mie possibilità affinché l’Europa lo bocci.

.