LA MIA CORSA PER LA PRESIDENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

Ringrazio innanzitutto il presidente Berlusconi per aver proposto il mio nome e i leader della Lega e di Fratelli d’Italia, Matteo Salvini e Giorgia Meloni, per la fiducia che mi hanno dimostrato. 

Per arrivare ad oggi è stato necessario del tempo, è vero.

Ma io vengo da una terra dove la natura, da secoli, insegna agli uomini che bisogna saper aspettare. Che ogni cosa va lasciata maturare.                                                                            I nostri vini pregiati riposano al buio per mesi, anni. Ma quando finalmente vedono la luce, basta loro un istante per esprimere il meglio.                                                           E per comprendere che ogni giorno di quell’attesa ne è valsa la pena.

Amo la mia Regione. Questo, per me, è un onore.                                                                   

E adesso si corre, con le scarpe da ginnastica ai piedi.                                                  Perché il Piemonte ha bisogno di energia.                                                                             Ha bisogno di un’altra velocità.

 

.